Avvelena la moglie con insetticida e poi si uccide. E’ successo a Castelnovo Sotto. La donna non è grave


ambulanza_6Ha avvelenato la moglie con un forte insetticida agricolo e poi con lo stesso metodo si è suicidato. L’uomo, 69 anni, è morto mentre la donna è ricoverata in ospedale e non è in pericolo di vita. E’ accaduto nella periferia di Castelnovo di Sotto. Sul posto ieri pomeriggio sono intervenuti i carabinieri della Stazione di Castelnovo di Sotto e della Compagnia di Guastalla.

Sarebbe scaturito da un violento litigio in famiglia il grave avvelenamento che ha portato alla morte di un agricoltore pensionato di Castelnovo di Sotto ed alla forte intossicazione della propria consorte.

Nel pomeriggio di ieri, i Carabinieri della Stazione di Castelnovo di Sotto e della Compagnia di Guastalla sono intervenuti nella via Cornetole  a seguito della segnalazione del decesso di un uomo. Nella sala da pranzo del casolare, i militari hanno in effetti rinvenuto il corpo esamine del 69enne Alberto M., il quale presentava tutte le caratteristiche di un avvelenamento. Con l’aiuto del figlio Fabio, i Carabinieri hanno proceduto alla ricostruzione di quanto accaduto.

Attorno alle 12,00 il figlio, che abita nell’appartamento sopra quello dei genitori, è stato allertato dalla madre, Simona B. 65enne, perché colpita da un malore. Viste le gravi condizioni in cui versava la donna, quindi, provvedeva ad accompagnarla con la propria autovettura presso il pronto soccorso del Santa Maria Nuova ove rimaneva ricoverata, sebbene non in pericolo di vita, a causa di un evidente avvelenamento. Ritornato a casa per verificare quanto fosse successo, l’uomo rinveniva anche il cadavere del padre.

Le indagini immediatamente avviate, hanno consentito agli investigatori di rinvenire, in un deposito attrezzi annesso al casolare, un potente insetticida usato in agricoltura che, secondo quanto accertato, Alberto M. avrebbe disciolto nel vino sorseggiato dalla moglie poco prima del pranzo, così da farla subito star male. Una volta rimasto solo per l’intervento del figlio, l’anziano si sarebbe suicidato con la stessa bevanda. I due coniugi, il giorno precedente, avevano avuto un forte litigio per questioni familiari che verosimilmente appare il motivo dell’avvelenamento che ha determinato la morte dell’agricoltore.