”Faccio i migliori auguri di buon lavoro a Giorgio Squinzi, a cui tutti noi siamo pronti a dare piena e leale collaborazione”. Lo afferma Alberto Bombassei, dopo che la giunta di Confindustria gli ha preferito Giorgio Squinzi, designato nuovo presidente dell’associazione con 93 voti contro 82. L’industriale, in una nota, ringrazia anche ”tutti coloro che mi hanno dato fiducia e mi hanno voluto sostenere in questi mesi”.

”Il risultato della giunta di oggi dimostra quanto sia ampia la realta’ degli imprenditori italiani che spinge per un profondo cambiamento di Confindustria. E’ la realtà che rappresenta le aree più industrializzate del Paese a cui il presidente designato non potra’ non prestare ascolto. Squinzi ha oggi il compito di tenere unita l’associazione, di ascoltare le istanze di cambiamento, di dare voce e ruolo a questa nuova realta’. Faccio i migliori auguri di buon lavoro – conclude il presidente di Brembo – a Giorgio Squinzi, a cui tutti noi siamo pronti a dare piena e leale collaborazione”.

———–

”Il clima della giunta e’ stato  molto bello, di compattezza e unita”’. Il presidente di  Confindustria, Emma Marcegaglia, lo dice in occasione della conferenza stampa al termine della giunta che ha designato Giorgio Squinzi nuovo  presidente di Confindustria.

”E’ stata una giunta al gran completo -continua Marcegaglia-  177 presenti su 186 aventi diritto. Squinzi ha avuto 12 voti di  vantaggio. In questi mesi c’e’ stata una campagna elettorale vivace di due imprenditori straordinari, due campioni del Made in Italy e  dell’internazionalizzazione”.

”Bombassei ha fatto un discorso costruttivo e ha riconosciuto  la vittoria di Squinzi -continua Marcegaglia-. C’e’ una grande  volonta’ di compattezza da parte di tutti. Non e’ la prima volta che  due imprenditori si confrontano in Confindustria. Ora sono certa che  tutti si combatteranno intorno al nuovo presidente, che sara’ di  tutti, anche di chi non lo ha votato. Confindustria continuera’ a  lavorare in unita’ per il bene di tutti gli imprenditori in u momento  difficile per il paese. Io e Squinzi lavoreremo insieme fino al 23  maggio, quando l’assemblea sara’ chiamata al voto”.

———

Oggi ”abbiamo dimostrato che noi le competizioni le sappiamo fare e che tra confronto e conflitto ci sono due mondi diversi”. E’ quanto ha affermato il presidente di Bnl del gruppo Bnp Paribas, Luigi Abete, dopo la giunta di Confindustria. E ha aggiunto: ”E’ stato un giorno positivo”, ”c’e’ stato un bel confronto, che ha portato a posizioni nel merito molto comuni, non ci sono posizioni di differente approccio, al di la’ del fatto che da parte di Squinzi c’e’ un’interpretazione piu’ evolutiva del processo di modernizzazione di Confindustria come e’ nella storia della Confindustria”; mentre, ha evidenziato, ”da parte di Bomabassei era stato messo un accento su qualche elemento di maggiore distinzione”.

———-

Il vice presidente esecutivo di Benetton, Alessandro Benetton, non crede nella spaccatura all’interno di Confindustria dopo la giunta che ha designato Giorgio Squinzi, presidente. ”Dal clima che si respirava c’era gia’ una volonta’ di ricompattarsi, i problemi che ha il Paese sono tanti e non e’ il caso” di spaccature.    Per Benetton si e’ trattato di ”due canditati di grande caratura, e anche questo e’ un buon segnale per Confindustria, questo finale sul filo di lana e’ indice di una qualita’ molto alta’.

———-

”Mi sembra che la posizione della Fiat sia stata detta con grande chiarezza, come sempre, da Marchionne qualche giorno fa, quando aveva parlato anche di Bombassei”. Cosi’ il presidente della Ferrari, Luca Cordero di Montezemolo, ha risposto a chi gli chiedeva del Lingotto fuori da Confindustria, a margine della Giunta che ha indicato Giorgio Squinzi presidente designato.

———-

”All’amico Giorgio Squinzi,  Presidente designato di Confindustria, davvero felicitazioni e auguri  di buon lavoro. La sua presidenza sara’ certamente occasione di  conferma e rafforzamento dell’impegno unitario delle associazioni  imprenditoriali”. Cosi’ il presidente di Confcommercio, Carlo  Sangalli, commenta la designazione di Giorgio Squinzi alla carica di  presidente di Confindustria.

”Impegno prezioso -aggiunge- per contribuire alla formazione  delle scelte necessarie per un’Italia che torni a crescere e che lo  faccia secondo rigore, equita’ e coesione sociale”.

———–

”Squinzi sara’ un grande  presidente, un grande imprenditore come il suo avversario. Non c’e’  nessuna spaccatura in Confindustria. I due candidati hanno corso e uno ha vinto. Ora lavoreranno insieme”. Il presidente di Mediaset, Fedele Confalonieri, lasciando la giunta di Confindustria.

————

Confindustria ”si puo’ ricompattare su un programma, che credo sia simile per entrambi. Ha vinto una persona di alto valore, cosi’ come lo e’ anche il suo concorrente”. E’ quanto ha affermato l’amministratore delegato di Enel, Fulvio Conti, a margine della giunta che ha indicato Giorgio Squinzi presidente designato.    ”Siamo fiduciosi che Confindustria si compattera’ e portera’ avanti il suo compito” ha aggiunto. Alle domande dei cronisti, Conti ha risposto: ”Non c’e’ spaccatura. Squinzi fara’ il necessario per mantenere Confindustria compatta”.

————

“Facciamo a Giorgio Squinzi gli  auguri di buon lavoro, ma gli chiediamo una svolta rispetto alla  passata gestione e, quindi, di dare il via appena possibile a un  tavolo di lavoro con le micro imprese e le pmi”. A poche ore dalla  designazione del nuovo leader di Confindustria da parte della Giunta  di viale dell’Astronomia, il presidente di Unimpresa, Paolo  Longobardi, invita il successore di Emma Marcegaglia per il periodo  2012-2016 a “stringere un patto tra industriali e imprenditori piu’  piccoli”.

————-

Il presidente del Consiglio provinciale di Modena Demos Malavasi e il vice presidente Mauro Sighinolfi si sono congratulati con Giorgio Squinzi per la designazione alla presidenza di Confindustria. In un telegramma inviato all’imprenditore, i rappresentanti del Consiglio provinciale hanno dichiarato di riconfermare «l’impegno a una stretta collaborazione tra le istituzioni modenesi e il mondo delle imprese che lei conosce benissimo».

————

In merito all’elezione di Giorgio Squinzi alla Presidenza di Confindustria, il Vicepresidente dei Deputati del Popolo della Libertà, On. Isabella Bertolini, ha dichiarato:

“L’elezione di Giorgio Squinzi alla Presidenza di Confindustria è motivo di orgoglio per tutto il mondo imprenditoriale modenese. Le doti di imprenditore che da Sassuolo hanno portato Squinzi a creare un gruppo internazionale senza mai perdere di vista e valorizzando il valore locale e territoriale del fare impresa, forniranno un contributo importante e determinante nella guida della più grande organizzazione industriale in questa delicata fase economica. Esprimo sincere congratulazioni a Giorgio Squinzi augurandogli buon lavoro”.

———

Giungono dal sindaco Andrea Rossi, a nome dell’amministrazione e della comunità casalgrandese, le felicitazioni per l’elezione di Giorgio Squinzi alla presidenza di Confindustria.

Per Rossi: «Si tratta di una scelta che pone alla guida degli industriali italiani il rappresentante non solo di un grande gruppo industriale che vede importanti sedi nel nostro distretto, ma anche una persona che ha incarnato lo spirito di intraprendenza e di lungimiranza e la voglia di fare, di tanti imprenditori che hanno consentito di rendere queste terre più ricche e più evolute.

Si tratta di un patrimonio di competenze e di attaccamento al territorio, come dimostra anche la bella avventura del Sassuolo calcio, che credo vada fortemente valorizzato, soprattutto in un momento di grande tensione come quello attuale e di svolta nelle relazioni industriali.

Sono certo che Giorgio Squinzi –conclude il sindaco il quale è già stato al vertice di Federchimica raggiungendo importanti risultati, saprà guidare con grande expertise anche questo passaggio, riuscendo a guidare la difficile fase di risalita, sia per il nostro distretto, sia per le imprese italiane».

———–

Apprendo con gioia della nomina di Giorgio Squinzi, persona affidabile e seria, alla guida di Confindustria. A lui va il mio più sincero in bocca al lupo per un proficuo lavoro all’interno dell’associazione Industriali: così Fabio Filippi del Pdl.

Un riconoscimento meritato a un imprenditore che ha saputo internazionalizzare un importante marchio, simbolo dell’operosità italiana, Mapei (Materiali Adesivi Per l’Edilizia e l’Industria).

Mapei rappresenta un modello industriale realizzato grazie al talento e all’impegno di un grande uomo, Rodolfo Squinzi, padre di Giorgio, e poi rafforzato con il lavoro dello stesso Giorgio. Il concetto di famiglia rappresenta certamente il motore della filosofia targata Mapei.

La mia famiglia, attiva in ambito edilizio commerciale, ha sempre considerato Rodolfo Squinzi un precursore dei tempi, la sua invenzione, la colla adesiva per pavimenti, ha rivoluzionato un settore fondamentale per l’economia del nostro Paese. Ricordo, fin da bambino, gli elogi rivolti al Signor Squinzi dagli addetti nel settore, grazie alla malta adesiva che aveva risolto non pochi problemi in ambito edilizio.

Da molti anni la Mapei investe anche nello sport: Squinzi è l’attuale proprietario della squadra emiliana Sassuolo Calcio, una squadra che va forte. Un bergamasco che da sempre riserva una particolare attenzione alle nostre terre, detenendo stretti rapporti con i nostri imprenditori.

———–

«Auguri di buon lavoro a Giorgio Squinzi, la sua elezione al vertice di Confindustria arriva in un momento particolare per la vita economica e produttiva del Paese.

La sua intraprendenza, la capacità di investire nella ricerca e puntare sul talento, come ha sempre fatto nell’industria e nello sport, fanno ben sperare per il futuro, soprattutto per noi giovani».

Sono queste le prime parole di Ciro Alessio Pecoraro coordinatore di Alleanza Per l’Italia giovani in Emilia Romagna che aggiunge:

«E’ una soddisfazione ancora maggiore avere ai vertici di una delle più importanti istituzioni nazionali un mio concittadino nonché patron della squadra di calcio di Sassuolo impegnata nelle prime posizioni del campionato di serie B».

———-

La presidente del Consiglio comunale di Modena Caterina Liotti, anche a nome di tutto il Consiglio, esprime vivo apprezzamento per la designazione di Giorgio Squinzi alla presidenza di Confindustria.

Caterina Liotti si è congratulata con l’imprenditore, che da maggio ricoprirà l’importante incarico, nella convinzione che il nuovo presidente “contribuirà a rafforzare la fattiva collaborazione tra le istituzioni modenesi e il mondo imprenditoriale”.

———-

Soddisfazione per la nomina di Giorgio Squinzi alla presidenza di Confindustria è stata espressa dal sindaco di Modena Giorgio Pighi, anche a nome di tutta l’Amministrazione comunale modenese.

In un telegramma inviato all’imprenditore, il sindaco si è congratulato per il nuovo importante incarico che Squinzi andrà a ricoprire,  definendolo “il riconoscimento del lavoro svolto in questi anni”, oltre che “della ulteriore valorizzazione di quello che il distretto industriale modenese rappresenta in Italia. Sono certo – ha concluso Pighi – che sapremo sviluppare ancor meglio dialogo e collaborazione tra istituzioni e parti sociali nell’interesse delle nostre comunità e del nostro territorio”.



PER LA TUA PUBBLICITA' 0536807013