Incontro con i tecnici liberati, in Comune a Casalgrande


Otto tecnici italiani, la maggior parte dei quali provenienti dal Distretto Ceramico, per giorni rimasti ostaggio dei lavoratori alla Ceramica Cleopatra di Suez. Incontro questa mattina con i tecnici liberati in Comune a Casalgrande. Presenti il sindaco Andrea Rossi, il vicesindaco Roberto Marzani, Alberto Teneggi e Marco Rinaldini. Soddisfazione da parte degli amministratori, e sollievo per il pericolo scampato e la brutta disavventura per i tecnici. Di particolare rilievo, il racconto dell’episodio in cui un sequestratore è entrato con una bombola di gas, gli italiani pensavano volessero farli esplodere, ma poi è stato loro spiegato che era una “misura cautelare” nel caso in cui avesse fatto irruzione l’esercito.

Questo episodio testimonia la gravità del pericolo vissuto dagli emiliani, i quali hanno avuto il giusto sangue freddo nel gestire la situazione.

L’incontro è terminato con un piccolo brindisi con la stampa.