E’ in distribuzione a Fiorano il Bilancio Sociale 2010


Per la pubblicazione del Bilancio Sociale 2010 il Comune di Fiorano Modenese ha confermato la struttura grafica, arricchita ulteriormente di immagini su eventi e servizi del 2009, al cui consuntivo il bilancio si riferisce, ma ha scelto, per limitare i costi e stampare solo il numero di copie utile, di non inviarlo più a tutte le famiglie, ma di pubblicarlo su Internet e distribuire la stampa a tutti coloro che ne faranno richiesta, dimostrando così di essere interessato allo strumento. Basta recarsi all’Ufficio Relazioni con il Pubblico in municipio per ricevere il fascicolo di 90 pagine che contiene informazioni, dati e statistiche su Fiorano, sull’attività del Comune e sul suo bilancio, sulle politiche per il territorio e per la famiglia.

“L’informazione è fondamentale – spiega l’assessore alla comunicazione Luca Vallone a nome della Giunta – per costruire fra istituzione e cittadini un rapporto di comunicazione che, evolvendo, generi partecipazione, identità, adesione. Sempre di più il governo della comunità può essere svolto con efficacia soltanto se esiste un coinvolgimento responsabile dei cittadini, che da un lato accompagni, verifichi e sostenga le scelte dell’amministrazione e dall’altro produca la coscienza dell’importanza che ognuno faccia la sua parte”.

Il Bilancio Sociale si apre con le pagine dedicate al Consiglio Comunale, al Sindaco e alla Giunta, alla struttura organizzativa del Comune e alla partecipazione del Comune a società ed enti. Il capitolo ‘Popolazione e cittadinanza’ si apre con i dati dell’anagrafe e poi spiega come il comune è intervenuto per i diritti e le tutele, per la sicurezza, per la comunicazione, la partecipazione, le associazioni e i gemellaggi. Un lungo capitolo è poi dedicato al bilancio e un altro al territorio, con i settori dell’urbanistica, degli investimenti, di trasporto e mobilità, dello sviluppo economico, dell’ambiente. Il Bilancio Sociale entra poi nel complesso universo dei servizi alla persona e alle famiglie: i servizi educativi, i servizi sociali, lo sport e il tempo libero, la cultura.