Approvato il bilancio consuntivo 2009 del Comune di Fiorano


Il Consiglio Comunale di Fiorano Modenese ha votato il bilancio consuntivo 2009 che si è chiuso con un avanzo di competenza di 200.000 euro, “il più basso degli ultimi anni – ha spiegato il sindaco Claudio Pistoni – perché abbiamo voluto gestire le risorse del comune con oculatezza per dare il massimo sostegno alle famiglie in questo periodo di difficoltà. Nel 2009 abbiamo avuto significativi cali di entrate: i proventi di concessioni edilizie da destinare a spese in conto capitale sono passati dai 994.000 euro del 2008 ai 211.000 del 2009”.

“Abbiamo ridotto le spese correnti di 585.000 euro, pur riuscendo a incrementare le spese sui capitoli essenziali come i servizi sociali, passate dal 2.662.000 euro a 3.2.92.681 euro. Siamo riusciti a rispettare tutti i vincoli di stabilità impostici e a trasportare sul 2010 residui per 916.000 che ci consentono di raddoppiare le somme destinate a recuperare i danni della nevicata alle strade e al verde pubblico, arrivando a un investimento superiore al miliardo”.

250.000 euro si aggiungono alle somme già finanziate con il bilancio 2010 a sostegno delle famiglie in difficoltà economica. Vengono infine confermati i 170.000 euro che costituiscono un fondo in caso di svalutazione crediti, ovvero di crediti che diventano inesigibili.

In riferimento al 7 per cento delle opere di urbanizzazione che il comune deve destinare alle opere di culto, regolarmente versate alla chiesa cattolica, negli anni si erano accumulate una serie di piccole somme che, secondo la legislatura, dovevano essere invece riservate alle altre religioni. Non essendo pervenute domande, i residui dei bilanci precedenti, riferiti a questa voce, per circa 6.000 euro, contribuiranno alla erezione del monumento a Papa Giovanni Paolo II nel piazzale del Santuario.

“Nel 2009 – spiega ancora Pistoni – siamo riusciti a finanziare investimenti per 2 milioni di euro, 450.000 dei quali finalizzati all’adeguamento alle normative di sicurezza delle scuole, 100.000 per le aree verdi, 400.000 per asfaltature e piste ciclabili”.