“La fortuna con l’effe maiuscola”, da martedì al Michelangelo di Modena


Tre serate da tutto esaurito. Tre serate all’insegna della commedia umoristica. Da martedì 9 a giovedì 11 febbraio Luigi De Filippo porta in scena al Teatro Michelangelo “La fortuna con l’effe maiuscola”, una divertente commedia che nel 1942 fu uno dei più clamorosi successi del Teatro Umoristico dei celebri fratelli De Filippo. Un trionfo personale di Eduardo e Peppinio che ne furono i primi interpreti. Ispirandosi alla lezione di un passato glorioso, oggi, con l’interpretazione e la regia di Luigi De Filippo, lo spettacolo torna a risplendere di luce nuova.

La fortuna con “l’effe maiuscola” è quella inattesa che capita al protagonista, un pover’uomo perseguitato da un destino avverso e beffardo, e che vede all’improvviso illuminare la sua misera vita dall’arrivo, insperato, di un’eredità giunta da parte di un parente emigrato anni prima in America. Eredità che, però, ha il vincolo di spettare per intero al poveretto solo se lui non avrà figli. Se il figlio c’è, sarà lui a beneficiare di tutta la ricca eredità. Il pover’uomo, ovviamente, il figlio ce l’ha. Lo ha appena riconosciuto costretto dalla miseria, in cambio di un modesto compenso che lo avrebbe aiutato a liberarsi dai debiti. E così, da questo impedimento, nascono gli equivoci e le disavventure tragicomiche della commedia.

Luigi De Filippo la ripropone al pubblico di oggi in una sua divertente, personale ed umanissima interpretazione che mette in risalto una delle caratteristiche maggiori del Teatro dei De Filippo: l’amaro umorismo. Quell’umorismo che rappresenta la parte amara e dolorosa di una comicità sempre attuale attraverso la quale ci viene raccontata la fatica di vivere.

Inizio spettacolo: ore 21.15.