Carpi: mettere in rete le fonti più antiche, bando pubblico




L’Archivio Storico comunale di Carpi intende dare corso attraverso un bando pubblico all’opera di descrizione e digitalizzazione dei documenti storici del quattordicesimo secolo conservati presso la sua sede. Il Progetto Trecento, così si chiama questa iniziativa, renderà presto consultabili in rete le fonti documentarie più antiche della città per mezzo di un catalogo online.

Considerato che tra gli obiettivi dell’Archivio vi è quello di presentare i risultati del progetto all’inizio dell’anno prossimo: è indispensabile per fare questo portare a compimento entro la metà di novembre la redazione dell’ultimo corpo di schede di catalogazione e relative tabelle riferibili ai rogiti del notaio Francesco Zannoni in lingua latina (14esimo secolo) e ad una serie di testi redatti da don Paolo Guaitoli tra la fine del 18esimo e l’inizio del 19esimo secolo.

L’importo massimo che il Comune mette a disposizione per la realizzazione del progetto è di 5.000 euro al lordo di Iva. L’intervento sarà affidato a chi offrirà di eseguire il progetto all’importo più conveniente.
Si chiede pertanto ai soggetti interessati di far pervenire le proposte, comprensive di dettagliato e qualificato piano organizzativo ed economico, entro il 10 giugno prossimo in busta chiusa, all’Ufficio protocollo del Comune, in corso Alberto Pio 91.
Per informazioni rivolgersi a Massimo Grillenzoni, Ufficio cultura del Comune, telefono 059 649904.



PER LA TUA PUBBLICITA' 0536807013