Tre casi di meningite segnalati a Bologna e provincia, colpite 2 bimbe


Tre casi di meningite nel fine settimana a Bologna e provincia. Tempestivo l’intervento di profilassi, nessun pericolo di contagio.

La prima segnalazione riguarda una donna di 69 anni di Bologna: nella notte tra sabato 12 e domenica 13 gennaio è stata ricoverata all’ospedale S. Orsola con sintomi riconducibili a meningite. È stata tempestivamente effettuata la profilassi ai familiari della donna e ai contati stretti, complessivamente 5 persone, è escluso un pericolo di contagio.

La seconda segnalazione riguarda due sorelle di 8 e 6 anni di S. Giovanni in Persiceto. L’allarme è scattato domenica 13 alle 7 del mattino. Attualmente ricoverate all’Ospedale S.Orsola-Malpighi, le bambine sono in fase di miglioramento. È stata effettuata nella medesima giornata la profilassi ai familiari, ai contatti più stretti, ai compagni di scuola e di palestra e al personale sanitario che le ha assistite, complessivamente circa 150 persone.
Oggi alle ore 17, presso il teatro parrocchiale della frazione “Le Budrie”, il sindaco di S. Giovanni in Persiceto, Paola Marani, assieme ai sanitari dell’Azienda Usl di Bologna incontrerà i cittadini per fornire tutte le informazioni del caso.

Pur non destando la situazione particolari preoccupazioni, in via precauzionale considerando la contemporaneità dei due casi, essendo il batterio causa della meningite un meningococco di tipo C (per cui esiste il vaccino), verrà attivata da domani martedì 15 la vaccinazione su tutti i bambini della scuola e i contatti più stretti.
I 2 episodi, quello di Bologna e quello di San Giovani in Persiceto non hanno nessuna correlazione tra loro.