La seconda sezione del Tribunale collegiale di Bologna ha condannato a 17 anni di carcere due cittadini cinesi di 58 e 40 anni, in regola con i permessi di soggiorno, per sequestro di persona a scopo di estorsione accogliendo parzialmente le richieste del pm della procura felsinea, Valter Giovannini, che per i due imputati aveva chiesto 20 anni.

Secondo le indagini, i due stabilivano un prezzo per portare clandestinamente in Italia loro connazionali, ma una volta giunti a destinazione attraverso la Slovenia sequestravano i clandestini e facevano pressioni sui loro familiari in Cina per avere più soldi.
La vicenda fù scoperta dalle squadre mobili di Bologna e Torino, che indagavano su un traffico di clandestini.

In particolare i due sono accusati di aver sequestrato un loro connazionale di 15 anni nella cantina di un ristorante del centro di Bologna, in attesa che i suoi familiari pagassero un’ulteriore somma di denaro rispetto a quanto avevano già concordato e versato.



PER LA TUA PUBBLICITA' 0536807013