Ascom su accesso diretto centri privati per prestazioni sanitarie


Accogliamo senz’altro con favore la notizia della possibilità, per i cittadini, di prenotare prestazioni sanitarie presso l’Ausl evitando noiose file presso il centro unico di prenotazione – affermano unanimi il dott. Roberto Mori Presidente del Sindacato Centri Ambulatoriali Privati aderenti ad Ascom e la dott.ssa Rossana Bellucci coordinatrice della sezione laboratori di Analisi – ciò merita il nostro apprezzamento e non mancherà di favorire gli utenti del SSN che si rivolgono anche ai nostri centri per effettuare ecografie, elettomiografiche, doppler, visite specialistiche dermatologiche, oculistiche ortopediche, analisi di laboratorio, ecc…

Nel contempo Mori e Bellucci di Ascom si dicono giustamente orgogliosi dell’attività dei Centri che rappresentano, capaci di effettuare prenotazioni per altre branche ugualmente importanti per la salute della collettività. Si tratta – affermano – di visite di fisiatria e ortopedia, prenotazioni di esami radiologici e di terapie riabilitative, nonché di analisi di laboratorio. Ci preme ricordare che le prenotazioni risultano a costo zero e con accesso diretto alle nostre segreterie, tramite la sola presentazione delle documentazioni richieste.

Va in effetti riconosciuto che gli ambulatori privati accreditati con il SSN, svolgono un importante lavoro destinato a snellire gli adempimenti dei cittadini per l’accesso alle prestazioni. Attraverso le loro strutture, integrate con l’SSN, riescono infatti a garantire ai pazienti una serie di facilitazioni che vale la pena di richiamare.

Nel corso del 2005 – confermano al Sindacato dei Centri Ambulatoriali Privati aderenti all’Ascom – gli accessi diretti sono stati all’incirca 80.000 per prestazioni di visite fisiatriche, ortopediche, esami radiologici, terapie fisiche e riabilitative, nonché analisi di laboratorio. Si tratta di pazienti che accedono ogni anno ai Centri Privati Convenzionati, senza soste ai centri di prenotazione, muniti della sola prescrizione del medico di base, nell’ambito dell’accordo stabilito annualmente dall’AUSL con i singoli centri. Un vantaggio che l’Azienda Sanitaria di Modena offre ai cittadini – utenti, consentendo di abbattere le liste di attesa. Va ribadito che questo vantaggio non comporta esborsi né a carico dei cittadini né a carico del Servizio Sanitario Pubblico per la prenotazione.