Convegno domani a Bologna su tutela minori


‘Esperti giuridici a tutela dei minori e delle loro famiglie: quali prospettive?’ e’ il tema del seminario che si terra’ domani mattina nella Sala polivalente dell’ Assemblea legislativa regionale a Bologna.


Al seminario interverranno Anna Maria Dapporto, assessore alla promozione delle politiche sociali ed educative per l’ infanzia e l’adolescenza; Graziana Calcagno, gia’ procuratore della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni di Torino; Marcello Burgoni, direttore dei servizi socio-sanitari dell’ Azienda Usl di Modena; Maurizio Millo, presidente del Tribunale per i minorenni di Bologna; Lelia Govoni, direttore del Dipartimento di integrazione socio-sanitaria dell’Azienda Usl di Bologna.


Il seminario conclude il corso per la formazione di esperti giuridici a tutela dei minori e delle loro famiglie, promosso dalla Regione Emilia-Romagna e realizzato dall’Azienda Usl della Citta’ di Bologna. Si tratta di una nuova figura professionale anche in ambito nazionale che dovra’ affiancare le altre figure socio-sanitarie operanti nell’ambito dell’infanzia e dell’ adolescenza, assicurandone la correttezza dell’attivita’, sotto il profilo giuridico e normativo.
Secondo il progetto regionale, la nuova figura deve essere in possesso di specifiche caratteristiche professionali: oltre ad avere il pieno possesso degli strumenti giuridici in materia di diritto minorile e della famiglia, deve essere dotata di una buona sensibilita’ in materia psico-socio-pedagogica e in grado di relazionarsi con gli altri operatori socio-sanitari.


Il corso ha avuto una durata di 600 ore complessive, di cui la meta’ dedicate a lezioni di area giuridica, di area socio-psico-pedagogica e ad attivita’ di tipo laboratoriale e seminariale; la restante quota e’ stata dedicata allo stage presso un servizio territoriale. Al corso hanno partecipato una trentina di laureati in giurisprudenza, dipendenti o collaboratori della Regione stessa e delle pubbliche Amministrazioni emiliane-romagnole, competenti in materia di minori (Comuni, Ausl, Comunita’ montane, Consorzi, Provincie, istituzioni scolastiche).