Impianto rifiuti Ravarino: chiesta integrazione a ‘Via’


La Valutazione d’impatto ambientale (Via) per l’insediamento di un impianto di smaltimento e recupero di rifiuti a Stuffione di Ravarino è ancora in corso. Lo ha spiegato l’assessore provinciale all’Ambiente Alberto Caldana rispondendo in Consiglio provinciale a un’interrogazione presentata dai capigruppo dei Verdi, Walter Telleri, e di Rifondazione, Aldo Imperiale, alla presenza di una numerosa delegazione di cittadini.

“La conferenza dei servizi si è aperta il 24 agosto – ha ricordato l’assessore Caldana – e sulla Via abbiamo chiesto integrazioni alle quali si sta lavorando, così come non è ancora stato definito il cambio di destinazione dell’area che è di competenza del Comune. Certo non mancano perplessità – ha aggiunto Caldana – per un insediamento che sembra presentare rischi e problemi ambientali: la prima tutela, infatti, deve essere per le persone e per l’agricoltura. E dal Comune attendiamo di capire anche il punto di vista su questi aspetti”.

L’interrogazione è stata illustrata da Walter Telleri che ha sottolineato la necessità di evitare l’insediamento dell’impianto nell’ex cantina “attigua a un’area da tutelare, la zona umida Biancospino, e comunque compresa nell’area di produzione del Lambrusco di Sorbara: la struttura potrebbe avere ripercussioni negative sull’ambiente e sulle produzioni agricole”.