Smog: polveri oltre limiti in Emilia Romagna


Polveri fini oltre i limiti, con
concentrazioni in aumento. La previzione, non certo rosea, per
la qualità dell’aria emiliano-romagnola arriva dall’Arpa
regionale. Nella settimana appena trascorsa le condizioni dell’aria infatti sono gradualmente peggiorate, con una
concentrazione di inquinanti al suolo superiore alla norma in
quasi tutte le città capoluogo.

I valori più elevati riguardano le polveri fini (le Pm10),
registrati in particolare mercoledì e giovedì. I picchi
massimi sono stati mercoledì a Ravenna (132 microgrammi per
metrocubo), Bologna (122), Modena (107), Parma (104), Reggio
Emilia (90) e Forlì (88), e martedì a Ferrara (100) e Piacenza
(73). Tutti valori abbondantemente oltre il limite di tolleranza
di 60. Le uniche città che non hanno superato questi limiti,
seppur di poco, sono state Rimini e Cesena. Tra gli altri
inquinanti monitorati da Arpa qualche problema anche per il
benzene a Modena e per il biossido d’ azoto a Reggio Emilia.

La situazione per il fine settimana si aggraverà
ulteriormente, con valori che aumenteranno sul territorio
regionale fino a sabato, in particolare nelle province
centro-occidentali, per poi diminuire leggermente, da domenica,
per il passaggio di una lieve perturbazione.