Tutta Italia a rischio sismico, a norma 20% degli edifici




”Tutta l’Italia è considerata a rischio sismico e semplicemente il 20% degli edifici sono a
norma”. Il vulcanologo Franco Barberi, in un’intervista al Corriere della Sera, è preoccupato dopo il terremoto che ha colpito l’Appennino tosco-emiliano.

”Non è possibile purtroppo – afferma – prevedere un terremoto. In nessun modo, in nessuna
parte della terra. Nessuno studio e nessuno studioso ci lascia ancora sperare che questo possa essere possibile, non a breve termine, perlomeno”.

L’unica soluzione, secondo Barberi, ”è costruire edifici sicuri, secondo norme antisismiche. Ma da noi siamo molto indietro su questo: oltre l’ottanta per cento degli edifici italiani, pubblici e privati, non è costruito con queste norme di sicurezza”.