“La vie de Bohéme”: il Balletto di Milano al Carani


La tournée del Balletto di Milano ferma, questa sera alle 21, al teatro Carani per proporre la nuova produzione 2002: “la vie de Bohéme, balletto in due atti, nato da un’idea del regista e coreografo Serge Manguette. Lo spettacolo vuole essere un omaggio alla figura di Giacomo Puccini: si tratta infatti di una fantasia danzata delle opere più popolari del grande compositore.


L’intento è quello di raccontare la vicenda personale e artistica di Puccini, attraverso il succedersi di vari quadri della “Bohéme”, inframezzati dalle citazioni di altre opere e personaggi. Al centro del balletto è lo stesso Giacomo Puccini, che rivede episodi della sua vita affettiva e personale. Grande importanza ha nella vicenda il rapporto con le donne, dalla moglie alle eroine delle sue opere. Protagonista è Oriella Dorella, che interpreta i ruoli di Mimì, Butterfly ed Elvira, moglie del compositore. Accanto a Dorella, Francesco Villicich, nel ruolo di Cavaradossi, è l’altro interprete principale. Da menzionare anche Vincenzo Lapertosa (Giacomo Puccini), Daniela Morrone (Musetta), Luigi Celani (Marcello), Deniza Balinova (Manon Lescaut), Carmen Vella (Butterfly), Riccardo Valieri (Coline/Alcindoro) e Alessandro Rende (Schaunard).