Bassa modenese: il progetto “Focus 06” compie un anno



Venerdì 15 marzo compie un anno di vita “Focus 06. Una Comunità per il Benessere dell’Infanzia”, il progetto selezionato da Con i Bambini, nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, che mette in rete 23 soggetti (pubblici, privati e del terzo settore) con ACEG (Attività Cattoliche Educative Gioventù) capofila, impegnati nelle attività a favore dell’infanzia sul territorio dell’Unione delle Terre d’Argine (Campogalliano, Carpi, Novi di Modena e Soliera).

Nei primi dodici mesi il percorso di condivisione ha sempre avuto come obiettivo il benessere dei bambini, il sostegno alle loro famiglie, la formazione delle figure educative, nell’ambito di una comunità educante che si interroga, che fa spazio, che partecipa a fa partecipare, che si attrezza, che trova risposte a piccoli e grandi bisogni. Sono sorti nuovi Centri Bambini e Famiglie e si sono attivati nuovi Spazi rivolti a neo-Mamme. Numerosi sono stati i laboratori rivolti ai bambini delle diverse fasce d’età, dai più piccoli (0-3 anni) ai più grandi (3-6 anni), orientati a sostenere percorsi di autonomia, autostima e rispetto, alla cura delle relazioni tra pari e tra bambini e genitori, all’acquisizione di competenze manipolatorie e alla conoscenza dei materiali, alla promozione di abilità linguistiche per entrare in contatto con culture differenti.

Grande impegno è stato profuso nei percorsi di counselling educativo a sostegno dei genitori e degli educatori. Presso i Poli per l’infanzia è sempre operativo un professionista che accompagna i genitori ad affrontare le preoccupazioni e le incertezze che si possono incontrare quotidianamente nella relazione con i propri figli. In altre tre realtà scolastiche (pubbliche e convenzionate) hanno preso il via sportelli sperimentali rivolti a genitori che desiderano approfondire e riflettere sulle proprie modalità educative, comunicative e relazionali, imparando a valorizzarle, potenziarle e, quando necessario, a trasformarle. La conciliazione dei tempi di vita e lavoro di tante famiglie è stata favorita dall’organizzazione di centri estivi, anche per i più piccoli, dal prolungamento dei tempi di accoglienza in alcune scuole d’infanzia, e dall’apertura di uno spazio flessibile per l’accoglienza dei più piccini.
Un accordo firmato di recente ha sancito lo stile di intervento nei confronti delle situazioni di disabilità multipla e complessa. L’accordo ri-sottolinea la responsabilità delle istituzioni (socio-sanitaria ed educativa), ma valorizza anche l’associazionismo, e mira all’accoglienza nel gruppo classe anche dei bambini più fragili, perché si ritiene che la socializzazione tra pari sia un aspetto vitale e salutare per tutti.

Dal mese di maggio del 2018 sono stati inoltre circa 140 addetti ai lavori che hanno frequentato gli otto incontri pari a 36 ore di formazione, a cui si aggiungono i singoli percorsi formativi organizzati da ciascun partner. Segno di una speciale attenzione alla formazione di qualità per diffondere e condividere uno stile e un progetto pedagogico tra gli educatori e gli insegnanti d’infanzia di tutti i nidi e scuole d’infanzia del territorio dell’Unione Terre d’Argine.

E ora? L’attività, ampia e articolata, proseguirà per un intero nuovo anno.
Per maggiori informazioni: www.progettofocus06.it, pagina Facebook Focus06bambini.