Il Comando della Stradale reggiana ha potenziato negli ultimi giorni i propri servizi di vigilanza


Tra le cause degli incidenti stradali vi è sicuramente la distrazione alla guida e l’eccessiva velocità, mentre il mancato uso dei sistemi di ritenuta anche per bambini trasportati in auto vanno ad incidere sull’entità delle ferite riportate conseguentemente agli eventi anzidetti. Per ridurre sensibilmente tali fenomeni, il Comandante della Polizia Stradale Commissario Capo Ettore Guidone ha da tempo messo in campo diverse operazioni che vedono numerose pattuglie effettuare servizi mirati volti a reprimere dette condotte.

Solo negli ultimi giorni, grazie all’utilizzo del telelaser, sono state 10 le patenti ritirate per eccesso di velocità. Tali servizi vengono svolti nei tratti di strada a più alta incidentalità. In particolare nei giorni scorsi a Castellarano verso le ore 9 gli agenti della Polizia Stradale notavano un veicolo transitare a forte velocità e provvedevano ad effettuare la misurazione che dava un risultato oltremodo inqualificabile, ovvero 148 km/h. Fermato il veicolo in condizioni di sicurezza, al guidatore veniva ritirata immediatamente la patente di guida ed elevata una sanzione amministrativa che arriva fino a € 1.697.

Anche il centro cittadino di Reggio Emilia e le zone di Montecchio Emilia, Campegine e Boretto sono state oggetto di verifiche simultanee, portando ad elevare decine di violazioni per eccesso di velocità.

Con l’obbiettivo di reprimere l’utilizzo dei telefoni cellulari durante la guida, il Comando della Stradale reggiana ha potenziato negli ultimi giorni i propri servizi di vigilanza tanto da rilevare ben 152 violazioni, in aumento rispetto al dato dello scorso anno. A diversi conducenti è stata altresì applicata nell’immediatezza la misura del ritiro della patente per la sospensione, poiché risultati recidivi nel commettere tale scorrettezza.

Sono stati potenziati altresì i servizi mirati a sanzionare, non solo i conducenti che omettono l’uso dei sistemi di ritenuta, ma una particolare attenzione è stata rivolta al trasporto dei minori, spesso non trattenuti da sistemi di ritenuta, i quali proprio per le loro caratteristiche fisiche ancora non ben sviluppate, vengono ad essere esposti già in occasione di lievi incidenti, a possibili lesioni anche gravi. Proprio per incidere su tali comportamenti vietati sono state 317 le contestazioni elevate (con un incremento di 120 rispetto allo stesso periodo dello scorso anno) con 15 casi in cui si è proceduto al ritiro della patente di guida a causa della recidività nel comportamento vietato da parte del conducente.

I controlli della Polizia Stradale, non solo continueranno, ma saranno sempre più mirati in quei tratti di strada caratterizzati da una più alta incidentalità, affinché tutti possano mettersi in viaggio in perfetta sicurezza, tutelando la propria e altrui incolumità.