Un film per non dimenticare: giovedì 31 gennaio proiezione gratuita di “Corri ragazzo corri”


Un film per non dimenticare la tragedia dell’Olocausto: giovedì 31 gennaio alle 21 all’Auditorium Enzo Ferrari è in programma la proiezione gratuita di “Corri ragazzo corri”, film tratto dal romanzo di Uri Orlev e ispirato alla vita di Yoram Friedman, un bambino in fuga dal ghetto di Varsavia durante la seconda guerra mondiale. Un film sull’infanzia violata adatto anche agli spettatori più giovani.

È la storia di una perdita di identità quella raccontata nel commovente film di Pepe Danquart, un lento e progressivo allontanamento dalle proprie radici compiuto da un bambino che ha giurato al proprio padre di sopravvivere, contro tutto e tutti. Ispirandosi al best seller di Uri Orlev, che racconta la storia vera di Yoram Friedman, il regista fa del suo battagliero protagonista un simbolo della libertà e dell’intelligenza, uniche armi possibili contro l’abominio nazista. La fame di vita di Jurek scorre parallela alla cancellazione del suo passato, del proprio vero nome e della propria religione, lentamente, facendo palpare con mano la sofferenza di non avere diritto ad un posto nel mondo. Anche in questo, la sua corsa senza sosta può essere vista come una metafora del popolo di Israele, verso il quale alla fine sente di non appartenere più, rimosso, allontanato, fino a quando non riuscirà a realizzare realmente in che modo è cominciato tutto. Col fiato sospeso, nascosto sotto alle tavole di legno di una casa di campagna o fuggendo da un ospedale dove gli è stato amputato un braccio a seguito di un incidente di lavoro, Jurek conosce l’esistenza del bene in persone disposte a rischiare la propria pelle pur di non arrestare la sua sfida ad andare oltre una realtà inconcepibile. Anche da questi incontri deriva forse l’indefessa forza di continuare a lottare.