Il Sindaco di Castelnovo Monti ricorda Bonfiglio Marchesi


In ricordo di Bonfiglio Marchesi, scomparso a 95 anni e di cui si svolgeranno questo pomeriggio i funerali in forma civile, interviene il Sindaco di Castelnovo Monti Enrico Bini: “La vicenda di Marchesi è un esempio molto significativo di esperienza di vita, ed esemplare per forza e onestà. Una storia che ci racconta molto della generazione che ci ha preceduto, e dei sacrifici che sono stati necessari per superare il periodo bellico ma anche quello immediatamente successivo. Sacrifici che è importante ricordare, anche per comprendere e, credo, vivere con consapevolezza anche il nostro presente. A Marchesi era stata consegnata nel 2015 l’Onorificenza della Repubblica, in occasione della quale lo avevo incontrato ed avevo avuto il piacere di conoscerlo e parlare con lui. Marchesi, arrestato a Fiume mentre era soldato, dopo l’armistizio dell’8 settembre, aveva rifiutato di andare con i tedeschi e i repubblichini, consapevole di ciò che la sua scelta avrebbe significato, ed era stato deportato ad Auschwitz. Dal campo di sterminio era uscito perché, su consiglio di un altro internato, aveva detto di essere un muratore, così fu utilizzato dai tedeschi per lavori sulle linee ferroviarie. Una situazione comunque di prigionia, ma che gli ha permesso di sopravvivere. Dopo la liberazione aveva vissuto anche l’esperienza di emigrante in Francia dove aveva fatto il bracciante agricolo, e poi era tornato in Italia dove ha vissuto proprio facendo il muratore. Ho letto con commozione le parole della figlia Sabina che ha spiegato come l’esperienza di Auschwitz gli avesse lasciato un insegnamento che le ripeteva spesso: l’importanza di ascoltare tutti, anche chi faceva affermazioni apparentemente sciocche, come quel suo compagno nel campo che gli aveva consigliato di fare il muratore, lui che all’epoca aveva fatto solo il contadino. Siamo vicini alla famiglia, alle figlie Sabina e Silvia, nella consapevolezza che il ricordo di persone come Bonfiglio è per noi una grande eredità per il futuro”. Il Sindaco parteciperà alle esequie e in rappresentanza del Comune sarà presente anche il gonfalone.