Alla Parrocchia dell’Ancora il Presepe fatto con materiali di uso comune

Bottiglie di vetro, fili di rame, tappi di sughero, stoffe, veri capelli, maccheroni e legno, sono i principali materiali di recupero che compongono il presepe.  Dalla fine di ottobre 15 persone lavorano con passione e abilità alla creazione di un’opera diversa ogni anno. Il ringraziamento al Padre per le molte opportunità date ai suoi figli nel corso della storia della salvezza, è il tema dell’opera di quest’anno.

La natività, posta sotto ad una casa abitata, fa da perno alle scene che rappresentano la storia della salvezza, sfociante in Gesù che abbraccia la comunità.

Natività:
Signore Grazie! Perché nella notte più buia, Tu hai portato luce e speranza di vita eterna.
Adamo ed Eva:
Signore Grazie! Perché quando ho scelto di allontanarmi da te, Tu invece, mi sei rimasto accanto.
Noè:
Signore Grazie! Perché quando pensavo che tutto fosse perduto, Tu mi hai salvato dal finire sommerso.
Abramo:
Signore Grazie! Perché sul monte hai provveduto e la difficoltà più grande è diventata un dono del tuo amore.
Mosè:
Signore Grazie! Perché dove chiedevo vendetta, Tu mia hai dato la legge più importante: Ama.
Chiesa (comunità):
Signore Grazie! Perché dove ero solo Tu mi hai donato una Chiesa sostenuta da una
comunità ancorata alla tua parola.