Home Modena Gino Strada, fondatore di Emergency ha incontrato 500 ragazzi delle scuole medie...

Gino Strada, fondatore di Emergency ha incontrato 500 ragazzi delle scuole medie e superiori di Modena

“Costruire la pace con l’impegno di tutti per evitare la guerre, le cui vittime sono soprattutto civili: pari al 90 per cento del totale delle vittime di qualsiasi guerra, quindi la guerra non solo è immorale, ma anche inutile, perché non raggiunge mai l’obiettivo che si prefiggeva. Impegnatevi a costruire la pace”.

Lo ha spiegato alla sua maniera Gino Strada, martedì 14 novembre a Modena, davanti a una platea di oltre 500 studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado. L’iniziativa promossa dalla Fondazione Logos con il patrocinio del Comune di Modena è stata introdotta dai saluti del vicesindaco assessore alla Scuola Gianpietro Cavazza.

“Abbiamo una sovrabbondanza di informazioni sulle guerre – ha detto l’assessore Cavazza ai ragazzi – ma pochi elementi per capire perché scoppiano i conflitti. Una delle cause principali è l’ingiustizia; per evitare le guerre occorre innanzitutto costruire una cultura di pace partendo dalle nostre, dalle vostre scuole, in cui tutti devono poter accedere: poter studiare, avere una formazione, farsi una cultura, è un’opportunità da garantire a ogni ragazzo, esattamente come creare le condizioni per assicurare a tutti un percorso che conduca al successo scolastico. Nostro dovere è lavorare affinché queste opportunità siano reali per ogni bambino e ragazzo che vive nella nostra città”.

Provenivano dalle scuole secondarie di primo grado Calvino e Mattarella, dalle superiori Ipsia e Itis Corni, Istituto Fermi, Liceo Tassoni di Modena, oltre che dagli istituti Spallanzani ed Elsa Morante della provincia, i 500 ragazzi accompagnati dai loro insegnanti a Forum Monzani per ascoltare il fondatore di Emergency.

“Tutti, anche coloro che vivono nei Paesi devastati dalla guerra e in quelli del Terzo Mondo – ha affermato Strada – hanno diritto ad essere curati gratuitamente con le attrezzature e le medicine più appropriate, mentre per la nostra società la medicina deve rendere anche in termini economici. I nostri malati sono solo i nostri malati, non sono clienti”.

Garantire questo diritto è la mission di Emergency che realizza ospedali con alti standard qualitativi, pensati per essere luoghi accoglienti in cui i giardini, la pulizia, la bellezza degli ambienti sono “parte della cura, cosa che non sempre avviene negli ospedali italiani”, ha aggiunto Gino Strada che nel corso della mattinata non si è mai sottratto alle domande dei ragazzi.

È stato difficile fare tanti sacrifici? “Non ho fatto tanti sacrifici, forse ho una vita non sempre comoda – ha risposto – ma se devo fare un bilancio ho ricevuto più di quanto abbia dato. Il più grande successo di Emergency? “Tutti i pazienti curati e salvati. Restano impresse le loro facce”. Cosa si prova nell’aver creato un’organizzazione così? “Sorpresa, quando siamo partiti non immaginavamo dove saremmo arrivati”. Non le viene mai voglia di mollare? “Certo. A volte mi è capitato, ma poi il mattino dopo avevo già cambiato idea e stiamo già pensando al prossimo obiettivo: realizzare un ospedale in Uguanda, un paese tuttora devastato dalla guerra”. Come si fa a essere neutrali in guerra? “Si fa il medico, niente altro. Abbiamo le nostre idee, ma non siamo lì per giudicare ma per curare e quando arriva un corpo devastato dalle ferite, ancor più se si tratta di un bambino, si cura innanzitutto il bambino. Andare avanti è una necessità non più una scelta”.

A ribadire il concetto anche un film documentario mostrato ai ragazzi “Open Heart” di Kief Davidson candidato per l’Oscar al miglior cortometraggio nel 2013. È la storia di otto bambini sudanesi che lasciano le loro famiglie per dirigersi in Sudan, in un centro di cardiochirurgia ad alto rischio situato a Khartoum, costruito e gestito da Emergency, l’unico posto in tutta l’Africa che offre cure cardiochirurgiche gratuite.