Home Appennino Modenese Neve in Appennino, caduta rami: prudenza

Neve in Appennino, caduta rami: prudenza

Nevica ancora in diverse zone dell’Appennino (h 17,30) dove i mezzi spartineve della Provincia sono tuttora al lavoro lungo la rete delle strade provinciali che sono tuttora percorribili con catene e gomme da neve; prosegue anche il lavoro delle squadre e delle ditte incaricate nella rimozione dei rami caduti o per gli alberi piegati pericolosamente sulla sede stradale, a causa della pesantezza delle neve. I tecnici del servizio provinciale Viabilità raccomandano prudenza.

Le situazioni più impegnative riguardano la strada provinciale 623 tra Guiglia e Zocca e fino al confine con il bolognese (dove sono caduti finora oltre 30 centimetri) ma anche sulla provinciale 23 tra Gombola e Polinago e sulla provinciale 28 tra Vitriola e Savoniero tra i comuni di Montefiorino e Palagano.

Spartineve al lavoro e operatori impegnati sulle alberature anche nella zona di Frassinoro e Montecreto, sulla provinciale 324 del passo delle Radici, dove sono caduti finora oltre 30 centimetri di neve, mentre al passo i livelli superano i 50 centimetri.

In Appennino la Provincia dispone di 67 mezzi spartineve e 15 spargisale. A questi si aggiungono due turbine di proprietà della Provincia utilizzate in genere per tenere aperte le strade provinciali sul crinale nella zona di Frassinoro in particolare al passo delle Radici.