Home Formigine Consiglio Comunale formiginese del 29 giugno: approvate cinque delibere, una mozione e...

Consiglio Comunale formiginese del 29 giugno: approvate cinque delibere, una mozione e discusse due interpellanze

Aggiornamento dei conti comunali all’attenzione dei consiglieri di Formigine, nella riunione di consiglio tenutasi giovedì sera al Castello. Fra le misure più significative contenute nelle delibere di salvaguardia degli equilibri di bilancio e di variazione del budget 2017 della società patrimoniale, il recepimento del contributo in conto investimenti (deliberato dal Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica e pubblicato in gazzetta ufficiale ad aprile scorso) di 5,4 milioni di euro per finanziare la realizzazione integrale della tangenziale sud. Il finanziamento – una prima assoluta con questa portata a riconoscimento della bontà del progetto presentato – permette di liberare risorse e programmare maggiori interventi di manutenzione straordinaria su fabbricati e strade (+400mila euro circa sul biennio 2017 e 2018), nonché finanziare con risorse proprie la riqualificazione del centro storico. Le maggiori risorse per la viabilità saranno investite per realizzare su alcuni punti del territorio formiginese interventi di “traffic calming” come passaggi pedonali frazionati fra i quali Via Giardini, via Romano, via Treves. Lo stanziamento finanzierà anche la riqualificazione di via Piave. Per la parte di spesa corrente la variazione recepisce, fra le altre cose, una minore spesa per il servizio rifiuti (-324 mila) cui corrisponde una riduzione delle tasse che i cittadini dovranno pagare per il 2017, un aggiornamento del bilancio dell’Unione, una riduzione di spese per interessi (-70mila), minori spese di personale (-78mila) per un saldo complessivo di -306mila euro. Ultima delibera connessa al bilancio quella di aggiornamento del piano delle alienazioni, la cui modifica principale è lo stop alla vendita del capannone “Emmezeta”, perché verrà realizzato lì il Centro del Riuso, struttura distrettuale finanziata con 137mila euro da ATERSIR e con 24mila dagli altri comuni. Tutte le delibere di bilancio sono state approvate con 14 voti favorevoli della maggioranza Pd e 8 voti contrari delle opposizioni. Approvate poi due delibere urbanistiche: un permesso di costruire in deroga per una cabina elettrica in via Quattro Passi (passata con 21 voti favorevoli e uno contrario) e una convenzione con il Comune di Modena e le aziende agricole Ranieri Armando e Lucia Società agricola per l’utilizzo di diritti edificatori su terreni agricoli (approvata all’unanimità). I lavori si sono conclusi con la discussione e approvazione all’unanimità di una mozione (presentata dal consigliere Nicola Benassi del gruppo Pd ed emendata dalle opposizioni in aula) avente per oggetto “Dissenso dall’esecuzione del permesso di ricerca di idrocarburi “Bugia” nel territorio del distretto ceramico”, oggetto anche di una interrogazione del Movimento 5 Stelle ad inizio lavori. Nel dispositivo, la mozione intende “richiedere al ministero e alla regione di sospendere i permessi di ricerca al fine di disdire la concessione Bugia”, riafferma l’importanza dello sviluppo di energie alternative, innovative e rinnovabili, ribadisce la contrarietà a progetti di ricerca con impatti ambientali negativi sul territorio nonché l’intenzione di agire per ottenere la cessazione di qualsiasi attività di ricerca ed estrazione su tutto il territorio comunale.