Ponterosso: rotatoria a norma, ma migliorerà


La nuova rotatoria di Ponterosso è stata realizzata nel pieno rispetto delle norme funzionali e geometriche per la costruzione delle strade, in particolare per quanto riguarda i raggi di curvatura, previste dal Decreto 6792/2001 del Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti, tanto da essere stata approvata da Anas.

Si precisa che il cantiere non è ancora ultimato e che, spesso per le opere infrastrutturali, solo in corso d’opera si è in grado di cogliere e valutare appieno l’opportunità di effettuare piccoli correttivi o migliorie finalizzate a ottimizzarne il funzionamento, a maggior ragione in un contesto geomorfologico particolarmente complesso come quello di Ponterosso.

In particolare in questi primi giorni di apertura al transito risulta disagevole, per i mezzi pesanti che non affrontano con la dovuta attenzione l’approccio alla nuova rotatoria, la manovra di immissione sul ramo di accesso verso monte, in direzione della vecchia Statale 63 (da Reggio per il centro di Castelnovo Monti), manovra che per altro verrà alleggerita con l’apertura della Variante di Ponterosso.

Al fine di incrementare il più possibile la sicurezza stradale e ridurre i disagi, la Provincia di Reggio Emilia – d’intesa con i progettisti – sta pertanto valutando alcuni correttivi per rendere ancora più agevole il transito anche agli autoarticolati. In particolare, già nelle prossime ore si provvederà ad ampliare ulteriormente il raggio di svolta attraverso un opportuno riposizionamento dei cordoli che delimitano lo svincolo.

Al di là delle migliorie che verranno presto realizzate, ci auguriamo come sempre il rispetto delle norme del Codice della strada da parte di tutti coloro che, quotidianamente, percorrono le nostre strade, perché la sicurezza dipende innanzitutto dalla nostra attenzione e dalla nostra prudenza.