Home Appuntamenti Sassuolo, la Notte dell’Arte… e dei Musei

Sassuolo, la Notte dell’Arte… e dei Musei

Sabato 19 maggio la notte dell’arte, appuntamento fisso con cena e visite guidate condotte da Luca Silingardi alla scoperta dei tesori artistici e architettonici di Sassuolo, si unisce alla notte dei Musei, evento europeo che apre gratuitamente le porte a musei in orario serale e notturno. A Sassuolo, grande protagonista, nei due eventi, sarà il Palazzo ducale.

 

Per la Notte dei musei la Delizia Ducale sarà aperta al pubblico con ingresso libero ed orario continuato dalle ore 18 alle ore 24, mentre dalle ore 19 alle ore 21,30 si potranno seguire le visite guidate gratuite agli appartamenti ducali a cura di Laura Bedini.

 

Le iscrizioni, fino ad esaurimento posti, si raccolgono presso la biglietteria del Palazzo Ducale, in Piazzale della Rosa. Per informazioni ci si deve rivolgere allo IAT di Sassuolo, in Piazzale Avanzini. Tel: 0536-1844853

 

Sarà invece la visita condotta dallo storico dell’arte Luca Silingardi all’appartamento stuccato del Palazzo Ducale a caratterizzare l’appuntamento con La Notte dell’arte.

 

Il programma prevede, alle ore 20, la cena a prezzo concordato di 25 euro, al ristorante Salone dei Cocchieri, in Piazzale della Rosa e, alle ore 22, la visita guidata gratuita alle stanze dell’appartamento stuccato, decorate con mille foglie d’oro, e alla scoperta dei dipinti un tempo in esse contenuti. Durante la cena l’esperto introdurrà la serata e sarà a disposizione dei commensali per rispondere alle loro eventuali domande sul tema.

 

Le “Camere Stoccate di Sassuolo”, citate dal Marchese Nicolò Molza in una lettera inviata al cardinale Rimaldo d’Este, sono quelle nelle quali, in sontuose cornici in stucco bianco-dorate, di lì a poco avrebbero sfavillato alcuni importanti dipinti della collezione del duca Francesco I d’Este: i Paesaggi del napoletano Salvator Rosa; le tele di Guercino, tra cui primeggiava il Venere, Marte e Amore, e tanti altri ancora. Le cornici che oggi ospitano le enigmatiche tele monocrome di artisti americani ed europei contemporanei, giunti a lavorare a Sassuolo nel 2001 grazie alla sensibilità del compianto mecenate Giuseppe Panza di Biumo, vi era infatti una ricchissima collezione di dipinti di cui, durante la visita, si delineeranno i tratti salienti, in un affascinante percorso a metà tra osservazione della realtà e immaginazione condotta per mano dalla narrazione storica.

 

Prenotazione obbligatoria sia per la cena sia per la visita, fino a esaurimento dei posti disponibili, presso l’Ufficio Relazioni con il Pubblico: 0536-1844801. Visti i posti limitati, per la visita guidata sarà data la precedenza a coloro che parteciperanno anche alla cena.