Alla Galleria Ferrari di Maranello la 166 MM, la prima vettura Ferrari a vincere a Le Mans nel 1949


montezemolo_lemansLa 77esima edizione della 24 Ore di Le Mans avrà uno starter d’eccezione. Il prossimo 13 giugno alle ore 15 sarà infatti il Presidente della Ferrari Luca di Montezemolo a dare il via alla più prestigiosa gara di durata del panorama automobilistico mondiale.Montezemolo è stato invitato a Le Mans da Jean-Claude Plassart, Presidente dell’Automobile Club de l’Ouest, per celebrare il sessantesimo anniversario della prima delle nove vittorie assolute della Casa di Maranello nella 24 Ore, ottenuta dalla 166 MM di Luigi Chinetti e Lord Selsdon nel 1949.

Mi fa particolarmente piacere dare il via ad una corsa che ha fatto la storia dell’automobilismo e che ha un fortissimo legame storico con la Ferrari. Su questo circuito la nostra Scuderia ha compiuto indimenticabili imprese” – ha dichiarato Montezemolo – “La 24 Ore di Le Mans è sinonimo di competizione tecnologica e sportiva e da sempre suscita una grande attenzione da parte nostra“.

Oltre ai nove successi assoluti, l’ultimo nel 1965 con Jochen Rindt e Masten Gregory alla guida di una 250 LM, la Ferrari ha conquistato numerose vittorie di classe nella corsa francese, compresa quella nella scorsa edizione grazie alla F430 GT del team Risi Competizione. Quest’anno saranno ben dieci le berlinette di Maranello schierate da otto team privati che prenderanno il via il 13 giugno prossimo.

In Francia sarà presente anche il Direttore della Gestione Sportiva Stefano Domenicali, a ulteriore dimostrazione dell’interesse per questa “classica” da parte di Ferrari. Per Montezemolo ci sarà anche un’altra ricorrenza, stavolta nel ruolo di Presidente del Gruppo FIAT: quarantuno anni fa, nel settembre 1968, fu l’Avvocato Gianni Agnelli a dare il via alla 24 Ore di Le Mans.