Carpi: 50 anni dopo torna la prima mostra nazionale sui lager


Ritorna dopo mezzo secolo la prima mostra nazionale sui lager nazisti realizzata in occasione della celebrazione della Resistenza dei campi di concentramento di Fossoli-Carpi l’8 e 9 dicembre 1955.


Immagini dal silenzio. La prima mostra nazionale dei Lager nazisti attraverso l’Italia. 1955-1960‘ verrà inaugurata domani alle 11 nel
Palazzo dei Pio a Carpi e resterà aperta fino al 29 gennaio nei giorni di venerdì, sabato, domenica e festivi, escluso Natale e Capodanno.

Dopo il saluto del sindaco, Enrico Campedelli, e gli interventi di Lorenzo Bertucelli, presidente dell’Istituto storico di Modena, e di Alberto
Cavaglion, dell’Istituto storico di Torino, sarà possibile partecipare ad una visita guidata insieme alle curatrici della rassegna, Marzia Luppi ed
Elisabetta Ruffini.

Immagini dal silenzio‘ vuole riproporre all’attenzione la vicenda particolare ed originale della mostra nazionale dei lager nazisti, che
conquistò un’eco nazionale e creò per l’Italia un serbatoio di immagini che non si esaurì con l’allestimento carpigiano.
Da Carpi, infatti,
l’esposizione iniziò un lungo viaggio attraverso l’Italia della Ricostruzione e ad ogni tappa si arricchì sollevando anche vivaci discussioni.

Immagini dal silenzio‘ non è solo dunque una ‘mostra sulla
mostra’, ma intende ritornare su quegli anni, ponendo in evidenza il ruolo di agitatore di memoria assunto dalla Mostra nazionale dei Lager nazisti.
A 50 anni dal primo allestimento, la sua rilettura permette di ripensare a come si è costruita nel nostro Paese la memoria collettiva della deportazione, riflettendo sull’importanza che non si riduca a semplice rito commemorativo.

L’iniziativa è dall’Istituto storico di Modena e dalla Fondazione ex Campo Fossoli, con la collaborazione di Fondazione Cassa di Risparmio di Carpi e Cmb.